Oracle Exadata potenzia il data warehouse di Crif

644

Grazie a questa soluzione in soli 20 giorni la società di credit information ha recuperato e azzerato 4 mesi di backlog nella pubblicazione giornaliera dei dati

Crif è una società specializzata in sistemi di informazioni creditizie, di business information e di supporto decisionale con ricavi di oltre 260 milioni di euro: offre a banche, società finanziarie, confidi, assicurazioni, utility e imprese un supporto qualificato per la gestione del rischio e per il marketing. Fondata a Bologna nel 1988, ha una rilevante presenza internazionale e opera in quattro continenti (Europa, America, Africa e Asia). Oggi non solo è un player importante in Italia nelle soluzioni a supporto dell’erogazione e gestione del credito retail (con oltre 700 clienti tra banche, società finanziarie e confidi, gestisce 78,5 milioni di posizioni creditizie di consumatori e imprese italiani censite da Eurisc) ma, grazie alle competenze acquisite in più di 20 anni di attività su mercati altamente competitivi, è il primo gruppo nell’Europa continentale nel settore delle credit information bancarie e uno dei principali operatori a livello internazionale nei servizi integrati di business & commercial information e di credit & marketing management. Oltre 1.900 banche e società finanziarie nel mondo utilizzano direttamente i suoi servizi.
E’ stata anche la prima azienda italiana a ottenere la certificazione, da Consob e Esma, di Credit Rating Agency valida in tutti i Paesi dell’Ue.
Le società che si occupano di credit information sono chiamate oggi alle seguenti sfide: ottenere maggiori performance e scalabilità, ampliando e potenziando il sistema di data warehouse esistente; ridurre il ritardo di aggiornamento dati attuale e portarlo a 24 ore di allineamento rispetto alle fonti alimentanti; garantire viste e analisi statistiche sempre più coerenti con le nuove esigenze delle aziende di credito.

 

Exacta
Per affrontare queste sfide Crif ha selezionato Oracle Exadata come piattaforma per usufruire di tempi di elaborazione più veloce e funzioni estreme di compressione, partizionamento e trasferimento dati.
“Grazie alla soluzione Oracle Exadata in soli 20 giorni abbiamo recuperato e azzerato 4 mesi di backlog nella pubblicazione giornaliera dei nostri dati – dichiara Enzo Tripaldi, DWH & Data Management Manager, Crif Decision Solutions -. Inoltre abbiamo migliorato i tempi di risposta delle query, della creazione di pre-datamart e datamart del credito; abbiamo ridotto a sole 6 ore l’elaborazione delle metriche di rischio su tutto il portafoglio di anagrafiche. Inoltre abbiamo velocizzato l’analisi e le statistiche su Mutui e Carte, elaborati 10 ore dopo la disponibilità dei pre-datamart, un processo che in passato richiedeva 3 giorni. E’ stato ottimizzato il processo di navigazione dati in modalità Rolap (Relational nn-line analytical processing), con analisi interattive e tempi variabili da secondi a minuti, e ridotta l’esigenza di storage da 400% a 600% comprimendo i dati dei clienti e delle transazioni”.
E non è tutto. È stato migliorata anche l’attività di reporting e di analisi con nuove viste sulle caratteristiche del credito al consumo (business information, informazioni creditizie e dati territoriali), viste per famiglie di imprese, trend di mercato con possibilità di zoom massimo su tipologia di richiedente e/o di finanziamento, innovativi indici di benchmark settoriali per la valutazione delle imprese (accordo esclusivo con Sose, società per gli Studi di Settore del Ministero dell’Economia e delle Finanze).

In conclusione una operazione che soddisfa vendor e cliente. Tanto più che questi risultati sono arrivati in pochi mesi, dato che risale allo scorso novembre lo switch-off del vecchio ambiente e il go live su Oracle Exadata. Una collaborazione che a questo punto dovrebbe continuare e riservare altre (gradite) sorprese.