Con NoemaLife i referti sono accessibili in mobilità

386

NoemaLife è l’azienda italiana che cresce in Europa, fa acquisizioni, e realizza soluzioni interessanti dedicate all’informatica clinica ospedaliera.

Nel suo piccolo NoemaLife è un riferimento europeo nel mercato dell’informatica per i servizi sanitari. Nata in Italia nel 1996, sviluppa software destinati alle organizzazioni sanitarie, sia pubbliche che private, che consentono la riduzione dei costi ed il miglioramento della qualità del processo di cura del paziente. L’azienda opera in 1.800 strutture sanitarie, impiega 700 addetti e supporta 145.000 professionisti del settore che utilizzano in tutto il mondo le sue soluzioni.
Vediamo dunque come opera questa azienda osservando tre delle sue realizzazioni: ECHO, Referti Mobile e Galileo Portal.

 

ECHO

 

 

ECHO è la piattaforma per il ritiro “self-service” dei referti del Laboratorio Analisi che elimina la coda agli sportelli negli orari d’ufficio, rendendo possibile prelevare i referti in qualunque struttura collegata in rete con l’Azienda sanitaria, 24 ore su 24, 365 giorni all’anno. I cittadini quindi non dovranno più chiedere permessi lavorativi o delegare qualcuno per il ritiro, né recarsi per forza presso il punto prelievo dove hanno effettuato le analisi. Al momento dell’accettazione viene fornito al paziente un modulo per il ritiro referti, sul quale viene stampato il codice univoco che identifica la richiesta. ECHO verifica la disponibilità del referto e permette di tracciare automaticamente tutte le operazioni di consegna.

 

 

«Dietro Echo c’è un’infrastruttura informatica importante – osserva Davide Archi, referente medico per l’informatizzazione dei processi clinici presso A.O. della Provincia di Lodi, dove ECHO è operativo – Se uno non ha pagato il ticket, per esempio, il referto non viene stampato».

ECHO aumenta la qualità del servizio, ìnnalza il livello di riservatezza nella fase di consegna di informazioni sensibili, garantisce immediata fruibilità da parte dei cittadini ed è di facile utilizzo. L’Azienda Ospedaliera, inoltre, ne ricava vantaggi non solamente in termini di immagine e servizi erogati, ma soprattutto di risparmio economico, grazie alla possibilità di riduzione dei costi amministrativi legati alla consegna manuale. NoemaLife ha calcolato che il risparmio minimo si aggiri intorno ai 35.000 euro annui per postazione, considerando che solo il 40% dei referti venga ritirato attraverso la postazione.

 

Referti Mobile

 

È un’applicazione, scaricabile gratuitamente daApple Store o Google Play,  che permette la visualizzazione dei referti su device mobili come Smartphone e Tablet, realizzata da NoemaLife per soddisfare l’esigenza crescente di virtualizzazione graduale degli sportelli aziendali delle aziende ospedaliere. I referti possono essere consultati e salvati direttamente su smartphone o iPad, attraverso l’immissione di codici di accesso per il download (anche attraverso fotocamera e codice Qr), forniti al momento dell’accettazione.
L’Osservatorio ICT in Sanità 2012, della School of Management del Politecnico di Milano, ha premiato per la categoria, “Soluzioni per un migliore servizio al cittadino”, il progetto “Referti Mobile” realizzato per l’Ulss 9 di Treviso dalla vicentina Solinfo, società di applicativi e servizi di outsourcing per la Sanità del Gruppo NoemaLife.

Galileo Portal

Galileo Portal è la soluzione NoemaLife che hanno scelto, fra gli altri, gli Istituti Regina Elena e San Gallicano di Roma per il ritiro referti direttamente da casa o in mobilità. Si tratta di un portale internet, cui si accede da pc, smartphone o tablet, attraverso l’immissione di credenziali (nome utente, password e codice di controllo) diverse per ogni accesso. Il cittadino che esegue un esame può scegliere al momento dell’accettazione se ritirare il referto cartaceo o utilizzare il servizio via web o mobile attraverso credenziali e codice Qr.

L’intento – dichiara Francesco Serra, Presidente di NoemaLife – è migliorare la qualità di vita dei cittadini e dei pazienti, soprattutto di quelli che devono sottoporsi ad accertamenti continui, fornendo alle aziende sanitarie soluzioni che semplifichino e migliorino le prestazioni”. Anche in questo caso, la digitalizzazione dei documenti permette di erogare un servizio migliore per la cittadinanza ed una notevole riduzione delle spese di amministrazione della struttura ospedaliera, che può operare un’ottimizzazione delle risorse a disposizione. Il portale è stato ben accolto e, solamente nel primo mese di attività, il 46% dei referti è stato ritirato tramite web.

 

Destinata a crescere

 

NoemaLife, quotata in borsa dal 2006, sta aumentando il suo peso sulla scena internazionale intessendo un’intensa attività di collaborazione con Università e Centri di Ricerca. Altra spinta alla sua crescita la darà l’acquisizione della maggioranza relativa del capitale del gruppo francese Medasys avvenuta nel 2011.