Surface è arrivato in Europa per rivoluzionare il pc

104

Abbiamo giocato un po’ con il tablet Microsoft con Windows RT, il primo dei due modelli denominati Surface su cui si basa il nuovo corso del colosso di Redmond. A metà strada tra un iPad e un notebook.

È di 30 grammi più pesante dell’iPad, ha anche lui il solito gorilla glass, e usa una cover magnetica, ma le somiglianze col vendutissimo tablet di Apple si fermano qui.

Surface si presenta infatti ricco di soluzioni originali, a partire dalle scelte costruttive che comprendono l’uso di una lega di magnesio prodotta per mezzo un processo di vaporizzazione, in luogo dell’alluminio, e uno schermo 16:9, più adatto a film e giochi che alla produttività personale e capace di una risoluzione di 1366×768 pixel, ben lontana quindi dalla densità del retina display dell’iPad, ma più che sufficiente per la maggior parte delle applicazioni.

Tra i punti di forza del nuovo device ci sono lo slot per schede microSd, che consente di raddoppiare i 64 Gbyte della dotazione iniziale e quello Usb 2.0, che accetta praticamente ogni genere di periferica esterna, comprese quelle che richiedono l’alimentazione.

Non manca una porta micro Hdmi e il jack per le cuffie. Le videocamere sono due, anteriore e posteriore, entrambe in grado di catturare video a 720p. Nelle foto la risoluzione è di soli 1280×720 pixel, abbondantemente inferiore a quanto consentito dalla maggior parte degli smartphone e tablet sul mercato.


Molte le soluzioni innovative sul fronte dell’ergonomia, come il robusto supporto integrato per tenerlo in verticale e soprattutto la cover-tastiera.

Disponibile in vari colori e in due versioni, touch o con veri tasti a corsa corta, può essere acquistata separatamente o in bundle, col device mettendo in conto 100 euro di sovrapprezzo.

Trasforma il teblet di Microsoft in un vero strumento di produttività. Semplicissima da agganciare e impermeabile, è connessa tramite magneti abbastanza forti da reggere l’intero peso del dispositivo. Del resto la costruzione è decisamente robusta, come testimoniano i numerosi test di caduta che girano in rete.

Come il concorrente Apple, lo schermo di Surface è ben visibile da qualsiasi angolazione, e la risposta dell’interfaccia è senza incertezze, anche se il touch registra un massimo di cinque punti di contatto contro gli undici dell’iPad.

Il pannello di avvio in stile metro è comodo e ampiamente personalizzabile, ma si può sempre accedere al tradizionale desktop per gestire, ad esempio, le periferiche esterne.

Office 2013 è in dotazione senza sovrapprezzo in versione home&student, ovvero con Office, PowerPoint, Excel e OneNote. L’unica limitazione per la versione RT è l’impossibilità di gestire le macro.

Surface è attualmente in vendita nelle catene Euronix, Expert, Mediaworld e Saturn, oltre che direttamente sul sito Microsoft a lui dedicato. Il prezzo parte da 487 euro per la versione da 32 GB e arriva ai 591 di quella da 64 GB. Non è prevista per il momento una versione con connettività 3G o LTE.

Quanto alla versione Pro, con processore intel i5, bisognerà aspettare ancora qualche mese.