Security: il 40% delle imprese si ritiene vulnerabile

269

L’88% delle aziende intervistate ritiene di non avere un sistema di sicurezza delle informazioni all’altezza delle reali necessità di protezione del proprio business.

Circa il 40% delle aziende a livello globale non considera sufficienti le soluzioni messe in campo per contrastare gli attacchi informatici. Per l’88% il sistema a presidio della sicurezza delle informazioni non è all’altezza delle reali necessità di protezione del business e il 69% degli intervistati ritiene che il budget dedicato alla cybersecurity dovrebbe essere incrementato fino al 50% per rispondere adeguatamente alle reali esigenze aziendali.

In Italia, la percezione dell’inadeguatezza dei sistemi esistenti è in linea con i numeri globali. Per ben il 71% degli intervistati dovrebbe essere incrementato il budget da destinare alla sicurezza informatica ma il 46% dichiara che rimarrà costante nei prossimi 12 mesi.

Questi sono solo alcuni dei dati emersi dall’edizione 2015 dall’indagine EY sulla protezione delle informazioni: Creating trust in the digital world. L’analisi, che ha coinvolto più di 1.750 CIO, CISO e altri Information Security Executive e Manager provenienti da 67 paesi, ha esaminato le criticità legate alla sicurezza delle informazioni che le aziende devono affrontare quotidianamente. Le minacce sono in continua evoluzione per numero e tipologia e la continua espansione della connettività del business crea nuove vulnerabilità.

Le fonti più probabili di un attacco informatico sono, secondo l’indagine, le organizzazioni criminali (59%), dipendenti (56%) e hacktivist (54%). La preoccupazione verso tali fonti di attacco è in crescita rispetto al 2014.

Anche per quanto riguarda l’Italia, la percezione è che le fonti di rischio siano le medesime, emerge infatti una specifica preoccupazione nei confronti degli hacktivist (72%), ed una crescente attenzione verso le organizzazioni criminali (+30% rispetto all’anno scorso). La preoccupazione verso gli attacchi da parte dei dipendenti diminuisce invece dal 70% al 47%.

La rapida espansione del mondo digitale offre significativi benefici, ma la sua velocità di crescita non ha consentito una stima corretta dei rischi ad essa legati e la consapevolezza delle nuove insidie è arrivata in ritardo.

Fabio Cappelli, Partner EY e responsabile Cybersecurity per l’Italia, commenta: “Le aziende, in particolare in Italia, stanno approcciando con crescente entusiasmo il processo di digitalizzazione, la cui diffusione comporta una sempre maggiore esigenza di protezione dal rischio di cyber-crime ad essa collegato. Le aziende devono sviluppare una forte consapevolezza di minacce e relativi impatti sul business nonché una chiara strategia di sicurezza in quanto il furto di proprietà intellettuale ha effetti devastanti sul successo di un’azienda e la perdita di dati e le successive attività di recupero hanno conseguenze rilevanti anche dal punto di vista economico.” Aggiunge Cappelli: “La cybersecurity, quindi, è diventata un fattore cruciale nella protezione del valore delle aziende e nella protezione del Paese”.

Alcuni esempi di settori analizzati

Vulnerabilità, minacce e protezione

Phishing e malware sono considerate come le minacce più pericolose rispettivamente dal 44% e dal 43% dei partecipanti all’indagine.

In questo contesto le aziende evidenziano anche alcune difficoltà nel contrastare gli attacchi informatici:

  • Il 50% sostiene di non disporre di funzioni o figure dedicate alle minacce di sicurezza relative alle nuove tecnologie, es. IoT (54% nel mondo);
  • Il 33% in Italia  non dispone di un Security Operations Center, la percentuale sale al 47 a livello globale;
  • Il 38% in Italia ed il 36% a livello globale non ha attivato un programma di cyber-threat intelligence, mentre il 17% in Italia ed18% a livello globale dichiara di non avere un programma di gestione delle identità digitali e degli accessi.

A livello globale, più della metà delle aziende (57%) sostiene che la mancanza di risorse qualificate è uno dei principali ostacoli per efficacia ed efficienza delle iniziative di Information Security. Un dato che, rapportato al 53% del 2014 dimostra come la situazione sia in peggioramento.

Per quanto riguarda l’Italia, invece, i vincoli di budget rappresentano ancora l’ostacolo principale (73%) ma si registra un incremento percentuale a doppia cifra rispetto al 2014 relativamente all’attenzione da parte del management (51%) ed alla consapevolezza della necessità di una governance della sicurezza (30%).

Le aziende dovrebbero innanzitutto acquisire maggiore consapevolezza dei propri asset critici e di come potrebbero essere attaccati.

In questo scenario diventa di cruciale importanza attivare le giuste difese e agire il prima possibile per contrastare gli attacchi, attraverso un modello di intelligence e di monitoraggio che preveda indicatori adeguati, specifici allarmi e limiti ben definiti.

Tra gli indicatori che il monitoraggio dovrebbe essere in grado di identificare:

  • attacchi rilevati senza uno specifico scopo evidente,
  • variazioni impreviste del prezzo delle azioni,
  • nuovi prodotti lanciati dai competitor simili a quelli sviluppati dal proprio R&D,
  • attività di M&A interrotte improvvisamente,
  • comportamento inusuale di un dipendente,
  • interruzione operativa, senza chiare motivazioni,
  • anomalie nei processi di pagamento o nella gestione ordini,
  • database di clienti o utenti con informazioni inconsistenti.