Cynny Space è ora disponibile anche in Private Cloud

221

La nuova modalità di erogazione del servizio di Cloud Object Storage e la combinazione tra Hardware ARM e Software organico – utilizzata per la prima volta in ambito Cloud – fanno di Cynny Space una tecnologia innovativa

Cynny Space, provider di servizi di Cloud Object Storage destinato a una clientela B2B, mette a disposizione il suo servizio di Cloud Object Storage in modalità Private Cloud, oltre che in modalità IaaS.

In Private Cloud, i server Cynny Space sono collocati all’interno dei data center dei clienti. Questa opzione permette loro di mantenere un controllo maggiore del rack senza rinunciare alla comodità di un servizio gestito, e senza dover investire in componenti hardware. Si tratta di una soluzione particolarmente indicata sia per la velocità di erogazione dei servizi (vicinanza con i server di front-end), sia per la gestione di dati sensibili come per esempio per società di telecomunicazioni o pubbliche amministrazioni.

In relazione all’hardware, l’infrastruttura Cynny Space nasce dall’idea di utilizzare una tecnologia di mass market, la stessa utilizzata dagli CynnySpace_MicroServersmartphone, per gestire in modo efficiente i dati in Cloud. L’azienda ha disegnato CYone, il micro-server più piccolo al mondo (8,3cm x 3,4 cm), il primo mai creato con processori ARM.

Il software, invece, è un file system progettato specificamente per lavorare con un numero molto elevato di nodi ARM (CPU + disco). Si fonda su una filosofia Organic Computing, che ragiona come un organismo vivente adattandosi sempre alla situazione e vanta la caratteristica di ridurre al minimo la manutenzione del rack, prevedendo la fallibilità dei componenti hardware. Ulteriore novità di interesse è l’apporto dei tag a livello nativo nel file system: l’utilizzo dei tag semplifica l’organizzazione delle informazioni grazie alla loro massima flessibilità.
Peculiarità di Cynny Space è quella di essere stata la prima startup ad applicare la tecnologia ARM all’ambito del Cloud. La CPU scelta è specifica per lo storage in quanto gestisce parallelamente l’interfaccia con i dischi senza quindi occupare potenza di calcolo per la scrittura e lettura dei dati. Inoltre, le CPU ARM consumano 60 volte meno rispetto a quelle CISC rendendo l’offerta altamente efficiente a livello energetico.

“Siamo orgogliosi di aver adottato soluzioni mai applicate finora che ci permettono di offrire prezzi estremamente competitivi sul mercato. – ha dichiarato Andrea Marchi, Fondatore e Amministratore di Cynny Space – Pensiamo, inoltre, sia più che mai necessario trovare modalità innovative di approccio alle soluzioni cloud: per questo motivo abbiamo studiato una nuova offerta in Private Cloud così da essere sempre più vicini alle differenti esigenze dei clienti”.